AGOPUNTURA E SUE INDICAZIONI PRINCIPALI

Due parole sull’agopuntura e le sue indicazioni principali

acupunctureL’Agopuntura, in Cinese Zhenjiu (letteralmente agopuntura e termoterapia), è una tecnica di inserzione e manipolazione di aghi filiformi in “punti di agopuntura” sul corpo. Secondo la teoria dell’agopuntura, questo ripristina la salute e il benessere, ed è particolarmente indicata per il trattamento del dolore. L’agopuntura è nata in Cina, ed è una branca della Medicina Tradizionale Cinese (MTC).

Secondo la scienza moderna e l’EBM (Medicina Basata sulle prove di Efficacia), vi sono sufficienti evidenze che l’agopuntura sia efficace nel trattamento della nausea e la lombalgia cronica, per la cervicalgia e il mal di testa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), Il Centro Nazionale per la Medicina Complementare e Alternativa (NCCAM) dell’Istituto Nazionale per la Salute (NIH) USA, l’Associazione Medica Americana (AMA) e altre organizzazioni ufficiali e governative hanno studiato e indicato l’efficacia dell’agopuntura.

Ecco la definizione di agopuntura di Medline, il sito dell’Istituto Nazione della Salute NIH USA, che contiene citazioni e abstract dalla migliore letteratura biomedicale da tutto il mondo. “L’agopuntura è stata praticata in Cina e altri paesi asiatici per migliaia di anni, e consiste nello stimolare punti specifici del corpo inserendo aghi sottili attraverso la pelle, per provocare un cambiamento nelle funzioni fisiche del corpo.La ricerca ha dimostrato che l’agopuntura riduce la nausea e vomito dopo la chirurgia e la chemioterapia. Può anche alleviare il dolore. I ricercatori non capiscono fino in fondo come funziona l’agopuntura. Potrebbe aumentare l’attività di sostanze chimiche antidolorifiche del corpo e favorire il rilascio di sostanze chimiche che regolano flusso e pressione sanguigna.” https://medlineplus.gov/acupuncture.html

.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità – WHO, sono 104 le patologie trattabili con l’Agopuntura:

a) malattie interne: asma, diabete, colite funzionale, ulcera duodenale, diarrea, stipsi, emorroidi, dispepsia, ipertensione arteriosa lieve;

b) malattie dell’apparato genito-urinario: impotenza, infertilità, dismenorrea, sindrome premestruale, vaginite;

c) malattie muscolo-scheletriche e neurologiche: artrosi, artrite, borsiti, sciatica, tendiniti, cefalea, emicrania, nevralgia del trigemino, postumi di ictus cerebrale;

d) malattie ORL: cali dell’udito, vertigini, acufeni, sinusite, faringite cronica;

e) malattie infettive: bronchite, raffreddore comune, rinite allergica, epatite;

f) malattie cutanee: acne, eczema, herpes simplex e zoster;

g) malattie mentali ed emozionali: ansia, stress, depressione, insonnia.

Raccomandazioni dei National Institutes of Health:

“Dimostrata l’efficacia dell’Agopuntura nella nausea e nel vomito da chemioterapia e nel dolore dentario post-operatorio. In altre condizioni come la tossicodipendenza, la riabilitazione dopo ictus, le cefalee, i dolori mestruali, l’epicondilite, la fibromialgia, l’osteoartrite, la lombalgia, la sindrome del tunnel carpale e l’asma l’Agopuntura può essere utile come trattamento aggiuntivo o come alternativa ragionevole, oppure ancora come complemento di un programma terapeutico multifattoriale.”

Indicazioni dell’agopuntura secondo la British Medical Society e la British Medical Association:

•Dolore lombare, •Cefalea tensiva, •Dismenorrea, •Ipoalgesia ed induzione del parto, •Malposizione fetale, •Vomito post-chirurgico, gravidico e iatrogeno, •Dolore dentario post-estrattivo, •Asma, •Lombalgia.

Quali sono le principali indicazioni dell’agopuntura? (da http://www.amabonline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=154:quali-sono-le-principali-indicazioni-dellagopuntura&catid=31:faq-agopuntura&Itemid=101)

Contrariamente all’opinione comunemente più diffusa e cioè che l’agopuntura sia utilizzata solo per il trattamento del dolore, proprio in virtù della sua azione su tutti i sistemi regolatori dell’organismo, l’agopuntura ha un effetto terapeutico su molte patologie sia acute che croniche:

  Patologie osteo-articolari e reumatologiche:
Artrosi della colonna vertebrale, discopatie ed ernie discali cervicali e lombari (escluse quelle “paralizzanti”, o con seri danni della radice motoria), cervico-brachialgie, lombalgie, lombosciatalgia, lombocruralgia, spondilolistesi, crolli dei corpi vertebrali da osteoporosi (trattamento del dolore), artrosi dell’articolazione temporo-mandibolare, periartite scapolo-omerale, epicondilite, rizartrosi del pollice, artralgie della mano, sindrome del tunnel carpale (fase iniziale), algie dell’art. sacro-iliaca, periartrite dell’anca, coxartrosi, gonartrosi, talalgia plantare, metatarsalgie, contratture muscolari distrettuali, tendiniti, sindrome fibromialgica, distorsioni articolari.

 –  Patologie neurologiche:
Cefalea vascolare (emicrania), cefalea tensiva, cefalea “a grappolo” (di Horton), nevralgia essenziale del trigemino, nevralgia di Arnold, paralisi del n. facciale “a frigore”, blefarospasmo, paresi e paralisi degli arti (esiti di ictus o post-traumatici), polinevriti, nella riabilitazione neurologica post-ictus, Herpes Zoster.

 – Patologie ostetrico-ginecologiche:
Irregolarità del ciclo e del flusso mestruale, amenorrea, dismenorrea, sindrome premestruale, sindrome climaterica, infertilità, supporto alla procreazione medicalmente assistita (FIVET), leucorrea ed infezioni genito-urinarie recidivanti.
Nausea e vomito in gravidanza, presentazione podalica del feto (tra la 32a e la 34a settimana), induzione del parto nella gravidanza oltre il termine, analgesia e potenziamento della dinamica uterina nel corso del parto. Ipogalattia (scarsa quantità di latte durante l’allattamento).

 – Patologie andrologiche:
Impotenza, eiaculazione precoce, astenospermia e oligospermia (alterazioni del liquido seminale dell’uomo).

Patologie dermatologiche:
Acne, dermatiti.

– Patologie urologiche:
Vescica instabile, cistiti recidivanti, disuria, enuresi notturna, incontinenza urinaria.

– Patologie cardiocircolatorie:
Nevrosi cardiaca, palpitazioni, aritmia, ipertensione (in particolare l’agopuntura è indicata quando nonstante l’assunzione di farmaci antiipertensivi la pressione arteriosa non è ben controllata).

– Patologie gastroenterologiche:
Gastrite, spasmo esofageo, ernia hiatale, nausea e vomito mattutini, epigastralgie funzionali, dispepsia, stipsi, alvo alternante, colon irritabile, tenesmo, crisi emorroidarie.

 – Patologie pneumologiche:
Asma, tosse.

– Patologie otorinolaringoiatriche:
Sinusite, rinite vasomotoria, faringite cronica, disfonia, vertigini, anosmia.

 – Manifestazioni allergiche:
Oculorinite ed asma allergiche, orticaria, dermatite allergica, rash cutanei.

Patologie psichiatriche:
Stati d’ansia, forme depressive minori, attacchi di panico, insonnia.

–  Patologie odontoiatriche:
Odontalgia, analgesia per estrazione dentale.

 – Tabagismo:
Riduce la sindrome da astinenza dalla nicotina.

In tutte le patologie sopra indicate l’agopuntura può essere utilizzata da sola o in associazione al consueto trattamento medico-farmacologico. I risultati possono essere a volte risolutivi ed altri solamente parziali o deludenti, come del resto per qualsiasi terapia.

Ma è importante sottolineare che sta all’esperienza e alla capacità del medico di selezionare i pazienti e le patologie che possono ragionevolmente trarre beneficio da un intervento con l’agopuntura, per cui ogni caso va singolarmente valutato.